close
Volley

Wixo Lpr Piacenza a un passo dalla chiusura: l’amarezza del presidente

La squadra (Foto Bosio)

Dopo Bergamo, anche Piacenza rischia di perdere la pallavolo. La Wixo Lpr Piacenza va infatti verso la chiusura definitiva, come ha annunciato il proprietario e presidente della squadra Guido Molinaroli in una intervista rilasciata alla quotidiano La Libertà di Piacenza. Come già aveva annunciato mesi fa, Molinaroli ha ribadito la sua intenzione di smettere a fine stagione. “Dopo quasi 18 anni, sono stanco di chiedere aiuti e quando cadrà l’ultimo pallone di questa stagione chiuderò la società, non aspetterò il giorno prima dell’iscrizione al campionato” ha detto nell’intervista. Lasciando però aperta la porta, qualora qualcuno volesse decidere di comprare la società. E non manca un’accusa alle istituzioni, nel ricordare che “In questo anno sportivo la delusione più grossa, anzi l’umiliazione più grossa, è aver visto chiudere con i lucchetti il Palabanca, vederci sfrattati e con il nostro personale che, dopo tanti anni e tutto quello che abbiamo fatto per lo sport a Piacenza, doveva raccogliere i propri effetti personali. Nessuno di noi lo dimenticherà mai”.

Anche il presidente onorario, Roberto Pighi, già nelle scorse settimane aveva lanciato appelli per trovare degli sponsor che aiutassero la società ad andare avanti. Pighi aveva chiesto una mano, “perché non è possibile che città come Macerata, Trento e Perugia siano piazze più importanti, pallavolisticamente parlando, di Piacenza”. Quello che serve è il nome di qualche imprenditore che prenda in mano la situazione e che sponsorizzi la società, permettendole di andare avanti e di far fronte alle previste minusvalenze d’esercizio. I tempi, tuttavia, sono davvero strettissimi, in quanto ormai manca davvero pochissimo alla fine del campionato.

Sulla vicenda sono intervenuti anche i tifosi I Lupi Biancorossi, che hanno fatto appello alle istituzioni e agli attori del territorio. “Tutto questo non può finire” hanno scritto in una lettera. “Perché questo non finisca ci uniamo all’appello del nostro presidente Pighi rivolto a te, cara città, ed in particolare alle tue energie migliori in campo imprenditoriale: fatevi avanti, non ve ne pentirete! Lo spettacolo che sa regalare il PalaBanca, l’affetto che sa sprigionare e la passione che si respira sono unici. La realtà di Piacenza ha una storia che non merita di finire oggi!”. I tifosi si sono rivolti anche agli amministratori del territorio: “Ci rivolgiamo alla sindaca Barbieri, all’assessore allo sport Polledri, alla giunta ed al consiglio comunale tutto: battete un colpo! Quest’estate apprezzammo tantissimo il repentino intervento della sindaca nella questione PalaBanca. Ora chiediamo lo stesso slancio per salvare quella che è da qualche anno la più bella realtà sportiva della nostra provincia”.

Tags : Lega Pallavolo Serie APallavolotaraflexvolleyWixo LPR Piacenza
Laura Bosio

The author Laura Bosio

Ho iniziato a scrivere e a fotografare quasi per caso, in momenti diversi della mia vita, forse per rispondere ad un'esigenza comunicativa ed espressiva che premeva per uscire. Il giornalismo l'ho incontrato quando cercavo un lavoretto part-time, ma ci è voluto poco perché diventasse la mia vita: non l'ho più abbandonato. L'incontro con il giornalismo sportivo è invece più recente, anch'esso sopraggiunto per caso: ho iniziato ad occuparmi di volley per il quotidiano in cui già lavoravo ed è stato amore a prima vista. Mi occupo di scrivere articoli e di fare interviste video, raccogliendo i momenti più topici della partita e quelli immediatamente successivi. E la fotografia? Una passione che nasce da lontano, anche se l'idea di farne una professione è stata piuttosto casuale. Anche in questo caso è stato amore: quello per l'arte fotografica, per l'espressione attraverso le immagini. Un amore che ha continuato a crescere di giorno in giorno, spingendomi ad approfondire le mie conoscenze. Anche in questo caso, la fotografia sportiva è una delle scoperte più recenti; mi piace immortalare quegli istanti unici che lo sport ci sa regalare: quando la palla tocca le mani di un giocatore prima di partire veloce come un razzo verso il campo avversario o quando il punto viene messo a segno e sul viso del giocatore si dipinge quell'espressione unica, di forza e di adrenalina, che sembra voler dire: 'Non molliamo mai'.

Leave a Response