close

Una fase di gioco del match Gi Group Monza vs Kioene Padova (foto Valentina De Cani)

Si è giocata lo scorso weekend la settima giornata di ritorno del campionato di SuperLega maschile, al termine della quale vediamo ancora la Sir Safety Conad Perugia in cima alla classifica, seguita da Cucine Lube Civitanova, Azimut Modena e Calzedonia Verona alla pari con la Diatec Trentino. Ma vediamo nel dettaglio le partite.

Il turno ha avuto inizio con l’anticipo di Venerdì 2 Febbraio al Pala Valentia dove si sono incontrate la padrona di casa Tonno Callipo Vibo Valentia e l’ospite Revivre Milano. Trasferta lunga per la squadra di coach Giani che non perde di vista l’obiettivo: vince la partita e guadagna altri tre punti per restare salda a metà classifica. (Tonno Callipo Vibo Valentia – Revivre Milano 0-3)

La Biosì Indexa Sora apre le porte del proprio palazzetto alla Cucine Lube Civitanova. Questa volta i ragazzi di Sora si trovano parecchio in difficoltà di fronte a una Lube in piena forma e intenta a chiudere la partita velocemente. Buon gioco da entrambe le parti, ma i marchigiani dominano completamente durante tutto il match. (Biosì Indexa Sora – Cucine Lube Civitanova 0-3)

A distanza di una settimana dalla partita giocata per la semifinale di Coppa Italia, la Diatec Trentino scende il campo per il Big Match contro la Sir Safety Conad Perugia. Il risultato non è differente da quello della semifinale: i perugini si impongono sul campo da gioco e Trento non riesce a entrare in partita secondo i propri canoni. Il match si conclude in favore della squadra ospite. (Diatec Trentino – Sir Safety Conad Perugia 0-3)

Gran bella partita e sentita quella che ha visto coinvolte la Bunge Ravenna e Calzedonia Verona. Entrambe le squadre partono ingranando la quarta ed è la padrona a vincere il primo set ai vantaggi, concedendo però il secondo set ai veronesi in maniera agile. Il ritmo di gioco torna a farsi incalzante col terzo set e prosegue fino al tie break, dove è la padrona a chiudere la partita raggiungendo il quindicesimo e ultimo punto del set. (Bunge Ravenna – Calzedonia Verona 3-2)

Al PalaPanini la Azimut Modena scende in campo insieme a Taiwan Excellence Latina. Non è una partita facile per la squadra gialloblu. Taiwan non demorde e fino all’ultimo mette in difficoltà la squadra avversaria, ma non riesce comunque nell’intento di farli capitolare. Modena chiude la partita in modo positivo e si tiene stretto uno tra i gradini più alti della classifica. (Azimut Modena – Taiwan Excellence Latina 3-0)

Alla CandyArena di Monza la Gi Group Monza ospita Kioene Padova. Una partita dai grandi colpi di scena e dal risultato finale un po’ inaspettato (mai dar nulla per scontato nella pallavolo). I ragazzi di Monza perdono sì un set, quello iniziale, ma si rimettono in gioco subito dopo, facendo faville e chiudendo la partita con tre punti buoni per la classifica generale. (Gi Group Monza – Kioene Padova 3-1)

Ultima partita del turno è quella che vede protagoniste la Wixo LPR Piacenza contro la BCC Castellana Grotte. Una partita piuttosto veloce (59 minuti) per entrambe le squadre; i ragazzi della BCC non riescono a creare gioco contro Piacenza e questi ne approfittano per chiudere in bellezza il match. (Wixo LPR Piacenza – BCC Castellana Grotte 3-0)

Tags : Azimut Modena VolleyBCC Castellana GrotteBioSì Indexa SoraBunge RavennaCalzedonia VeronaCucine Lube CivitanovaDiatech TrentinoGi Group MonzaKioene PadovaLaura AntoniniLega Pallavolo Serie APallavoloRevivre Powervolley MilanoSir Safety Conad PerugiaSuperlega UnipolSaiTaiwan Excellence LatinaTonno Callipo Vibo ValentiaValentina De CaniVolley A1 MaschileWixo LPR Piacenza
Laura Antonini

The author Laura Antonini

Varesotta di nascita e di cuore, milanese adottiva da diversi anni. A Varese ho iniziato a giocare a pallavolo nel campetto dell’oratorio per passare poi in varie squadre dove sono cresciuta, sognando in grande con qualche amica e compagna, ammirando “a distanza” i grandi giocatori -in particolare quella che fu la Sisley Treviso e la nazionale maschile dei primi anni 2000. La vita poi mi ha portato a Milano dove lavoro come educatrice e continuo a giocare. Ho sempre amato il clima “da spogliatoio”: la condivisione di traguardi sportivi e personali, le “paste” e le bevute, i commenti post partita o allenamento, i racconti, le confidenze, le fatiche e i dispiaceri. La mia professione mi permette di usare vari strumenti e tra questi non mancano la scrittura, la fotografia e lo sport. La scrittura è raccontare e raccontarci. La fotografia è cogliere l’attimo, ma ricordarsi di guardare coi propri occhi prima di scattare. Lo sport è impegno, dedizione, fatica, vittoria, ma anche sconfitta, conoscenza dei propri limiti, ma anche delle proprie potenzialità. Oltre alla pallavolo ho spesso seguito il basket -sport praticato da mio fratello- e la ginnastica artistica.

Leave a Response