close

Le foto riportate nell’articolo si di ©Filippo Rubin x LVF

Sabbia, sole, caldo, spiagge, la brezza marina, un pallone da volley, una rete a dividere un rettangolo di gioco, ma soprattutto tanto divertimento: sono gli elementi caratterizzanti uno degli eventi pallavolistici sempre molto attesi dalle giocatrici, dagli addetti ai lavori ma soprattutto dal sempre più numeroso e appassionato pubblico: ci riferiamo al Lega Volley Summer Tour. Tra le protagoniste del Sand Volley targato Lega Volley Femminile e Master Group Sport abbiamo avuto il piacere di scambiare due parole con Asia Cogliandro, ruolo centrale, una ragazza del meraviglioso Salento, nel cui sangue scorrono proprio gli stessi punti cardine di cui prima accennavamo.

Durante la passata stagione indoor, Asia ha vissuto la sua quarta stagione con la maglia Lardini Filottrano, con cui ha condiviso un percorso di crescita raggiungendo al secondo anno di appartenenza la promozione nella massima serie nazionale. Il primo anno di A1 della nostra centrale purtroppo è stato caratterizzato da un brutto infortunio (rottura del legamento crociato del ginocchio destro) occorso nelle fasi iniziali (21 ottobre) del suo primo campionato di A1. “Un momento davvero difficile della mia vita – racconta Asia – che mi ha tenuto lontano dal campo per tutta la stagione e proprio il Sand Volley dello scorso anno ha segnato il mio ritorno a livello agonistico. Sulla sabbia i processi riabilitativi e di ripresa si accelerano per cui ho accettato subito la proposta a parteciparvi con la Millenium Brescia”.

Il rapporto con il volley all’aperto non è solo limitato al LVST in quanto la vulcanica Asia come appena termina la stagione sul taraflex si impegna da subito sul terreno sabbioso sia nel 2×2 sia nel 4×4: “Per me non è una novità potermi dedicare a tornei estivi o anche a rassegne più o meno iridate di beach; indubbiamente sono una abituè, e nello specifico l’esperienza del Lega Volley Summer Tour è sempre ogni anno fantastica, con il coinvolgimento di nuovi sponsor, di tanti nuovi appassionati spettatori che ci seguono e ci danno la carica giusta per affrontare le diverse tappe organizzate sulle più importanti piazze balneari italiane”.

Quest’anno la canotta indossata da Asia in occasione delle prime due tappe a Vasto e a Riccione era quella rossa della Unet E-Work Busto Arsizio: “Sono stata orgogliosa della chiamata di Enzo Barbaro, direttore sportivo della UYBA, che mi ha invitata a partecipare a questa edizione del Sand Volley tra le fila bustocche; ho condiviso con loro dei bei momenti dando il mio piccolo contributo alla prima partecipazione delle “farfalle” sulla sabbia”.

In conclusione, il pensiero si rivolge alla prossima stagione indoor nella sua nuova società di appartenenza: Cuore di Mamma Cutrofiano. Dopo aver giocato nel centro-nord Italia un ritorno al suo amato Sud, in una società salentina come lei, al secondo anno di partecipazione al campionato di A2. Ovviamente anche un pensiero al prossimo Sand Volley 2020. “Sarebbe bellissimo poter giocare sulla sabbia con i colori della tua squadra, e nel mio caso addirittura della squadra (quasi) del mio paese natio”.

Desiderio che si tinge ancor più di vivacità e calore se la società salentina il prossimo anno potrebbe essere coinvolta a parteciparvi e semmai calcare la sabbia della bella Puglia, con Asia Cogliandro come sempre tra le principali protagoniste.

Tags : Asia CogliandroBeach VolleyCuore di Mamma CutrofianointervistaLardini Volley FilottranoLega Volley FemminileLega Volley Summer TourMaster Group SportMillenium BresciaSalentoSand Volley 4x4
Roberto Muliere

The author Roberto Muliere

Sono Roberto, vivo e lavoro a Mantova e sono il fondatore di questo sito, nato da una passione che giorno per giorno mi restituisce soddisfazioni e gratificazione, la passione per la fotografia! Se vogliamo dirla tutta, la mia prima passione era ed è rimasto lo sport, quell’insieme di fatica, impegno, dedizione e aiuta a dare potenza ed energia a virtù personali quali equilibrio, coraggio e rispetto per gli altri. Perché non fondere insieme queste due grandi passioni? Così è nato Photosport capitanato da me e da fantastici collaboratori che ogni giorno alimentano questo progetto. Il mondo dello sport mi ha portato a conoscere la fotografia sportiva e tutta l’emozione di congelare un movimento durante la frenesia del gioco. Amo la mia reflex e amo fotografare, per questo ho iniziato a condividere la mia passione agli altri. Tutto questo è solo una mia grande passione che mi porta a seguire le partire di basket, volley, pallamano… in maniera ravvicinata. Spero che questo progetto sia sono fondamenta per quello che in futuro potrà essere un vero e proprio grattacielo.

Leave a Response