close

Successo bis sia per Igor Gorgonzola Novara che per Imoco Volley Conegliano nella semifinale dei Play Off Scudetto della Samsung Galaxy Volley Cup. Entrambe le squadre infatti, in Gara2 hanno replicato quasi completamente i risultati di Gara1m con le piemontesi che hanno avuto ragione di Busto Arsizio nuovamente per 3-0, mentre le venete hanno conquistato la vittoria contro Savino del Bene Scandicci per 3-1.

Le azzurre di Massimo Barbolini hanno fatto faville, con 33 punti del duo Egonu-Plak, sfruttando appieno il secondo match di fila tra le mura di casa e avvicinandosi sempre più alla finalissima. La Unet E-Work, dal canto suo, ha faticato a reggere il ritmo delle avversarie, e a poco servono le soluzioni alternative tentate da coach Mencarelli durante la partita.

Bene anche Conegliano, scesa in campo con una prestazione convincente e che alimenta la striscia positiva delle ultime uscite delle ragazze di Santarelli. Ottima la prestazione di Folie 15 punti con il 70% in attacco e nominata MVP del match e di “bomber” Fabris 22 punti e top scorer dell’incontro. Alla Savino del Bene è rimasto forse l’amaro in bocca per non aver sfruttato il set di vantaggio e l’ottimo approccio alla gara.

Tags : Igor Gorgonzola NovaraImoco Volley ConeglianoSavino del Bene ScandicciUnet E-Work Busto Arsizio
Laura Bosio

The author Laura Bosio

Ho iniziato a scrivere e a fotografare quasi per caso, in momenti diversi della mia vita, forse per rispondere ad un'esigenza comunicativa ed espressiva che premeva per uscire. Il giornalismo l'ho incontrato quando cercavo un lavoretto part-time, ma ci è voluto poco perché diventasse la mia vita: non l'ho più abbandonato. L'incontro con il giornalismo sportivo è invece più recente, anch'esso sopraggiunto per caso: ho iniziato ad occuparmi di volley per il quotidiano in cui già lavoravo ed è stato amore a prima vista. Mi occupo di scrivere articoli e di fare interviste video, raccogliendo i momenti più topici della partita e quelli immediatamente successivi. E la fotografia? Una passione che nasce da lontano, anche se l'idea di farne una professione è stata piuttosto casuale. Anche in questo caso è stato amore: quello per l'arte fotografica, per l'espressione attraverso le immagini. Un amore che ha continuato a crescere di giorno in giorno, spingendomi ad approfondire le mie conoscenze. Anche in questo caso, la fotografia sportiva è una delle scoperte più recenti; mi piace immortalare quegli istanti unici che lo sport ci sa regalare: quando la palla tocca le mani di un giocatore prima di partire veloce come un razzo verso il campo avversario o quando il punto viene messo a segno e sul viso del giocatore si dipinge quell'espressione unica, di forza e di adrenalina, che sembra voler dire: 'Non molliamo mai'.

Leave a Response