close

Una calda serata di fine luglio di cinque anni fa, la squadra rosa della VBC Casalmaggiore, reduce dall’indimenticabile successo indoor della Champions League, i cui ricordi sono ancora impressi e per sempre lo saranno nel cuore e nella mente di tutti coloro, me compreso, che hanno vissuto le due serate magiche di Montichiari, si prepara per una nuova avventura, quella sulla sabbia di quattro località balneari dove si giocheranno le partite del sand volley 4×4 del Lega Volley Summer Tour.

Nel duplice ruolo di giocatrice/allenatrice di quella squadra rosa, versione estiva, un’atleta che non ha bisogno di presentazioni, perché sulla sabbia è stata una delle pioniere italiane: Giulia Momoli.

Un salto di cinque anni, dopo aver appeso il “costumino” al chiodo e aver intrapreso nuovi percorsi professionali nel campo del coaching, materializzando il sogno di una vita serena e tranquilla con la sua famiglia, che a breve si amplia con l’arrivo di un “angioletto”, «il sesso lo scopriremo alla nascita, vogliamo che sia libero di essere ciò che desidera, sarà una bella sorpresa» – risponde Giulia alla mia curiosità di conoscere il sesso del prossimo arrivo in casa “Tesciomoli” (appellativo spesso usato da Giulia e Gianluca, fusione dei cognomi dei due coniugi Tescione e Momoli, appunto), eppure in qualche modo la sua Olimpiade di Tokyo 2021 se la giocherà anche lei, seppure con ruolo diverso; infatti, Giulia Momoli, farà parte dello staff della piattaforma streaming Discovery TV a commentare proprio il suo sport: il Beach Volley.

«Una nuova esperienza, insieme a colleghi telecronisti di professione e talent (di cui faccio parte io) per commentare le imprese non solo delle coppie italiane sia maschili sia femminili, ma tutte le partite che si svolgeranno sulla sabbia olimpica di Tokyo».

Nella scorsa edizione dei giochi olimpici di Rio, la coppia azzurra maschile formata da Daniele Lupo e Paolo Nicolai ci regalò la bellissima emozione di salire sul secondo gradino del podio, conquistando l’ incredibile medaglia di argento: «per la terza volta Daniele e Paolo parteciperanno ad una manifestazione olimpica, con la grande responsabilità di difendere non solo il titolo di vice-campioni (sperando che il colore della medaglia si tinga di giallo quest’anno) ma con la voglia di fare bene, vista l’esperienza ancor più accumulata in questi cinque anni – commenta Giulia – e il grande lavoro fatto conquistando la qualificazione con un anno di anticipo rispetto ai tempi prestabiliti».

Ma le Olimpiadi sono sempre un “evento” che può dire tutto e il contrario di tutto: «Sono convinta – asserisce la neo-commentatrice Momoli – che quest’anno ancor di più ci troveremo di fronte ad un torneo molto equilibrato rispetto alla scorsa edizione brasiliana con 13/14 squadre che si contenderanno il podio, senza dimenticare anche l’altra nostra coppia di maschietti, Carambula-Rossi, che meritatamente ha conquistato la qualificazione tramite rancking e che può essere un’interessante mina vagante nel torneo».

Sul versante rosa, l’augurio di Giulia alle sue ex-colleghe Menegatti-Orsi Toth: «Sarà davvero una grande emozione per me inaugurare questo mio nuovo ruolo di commentatrice il 25 luglio con le partite dei ragazzi, e faccio un grosso in bocca al lupo anche a Viktoria e Marta (che commenterò contro Cuba): due ragazze che, anch’esse come i colleghi maschi, hanno conquistato dopo un periodo travagliato la qualificazione a questa edizione e che sono convinta che ci daranno belle soddisfazioni».

Dopo le Olimpiadi, un nuovo ruolo si prospetta per Giulia Momoli: la bis-mamma sul piano privato e il ritorno al suo amato lavoro di mental-coach, sul versante lavorativo: «Mentre svolgevo l’attività agonistica, per me è stato naturale avvicinarmi e farmi coinvolgere nel coaching; un percorso che ho vissuto da studentessa con il mio compagno Gianluca, che mi emoziona ogni giorno di più nel cercare di trasmettere le mie emozioni, la mia voglia di eccellere, la giusta serenità ad atleti e persone delle più svariate discipline sportive».

In conclusione, un pensiero e un augurio alla sua amata Petra Luna, che da tale madre e tale padre ci auguriamo tutti che diventi la beacher del futuro azzurro: «Non condizionerò affatto le scelte di mia figlia, farà ciò che le piace e che desidera, l’importante che sia qualcosa che le possa dare emozioni, a prescindere dalla disciplina sportiva; le auguro di vivere la sua vita con passione, un augurio che estendo a tutti i nostri bambini che saranno il nostro futuro domani»

Tags : Adrian CarambulaBeach VolleyDaniele LupoDiscovery TVEnrico RossiGianluca TescioneGiulia MomoliMarta Menegattimental coachOlimpiadi Tokyo 2021Paolo NicolaiViktoria Orsi-Toth
Roberto Muliere

The author Roberto Muliere

Sono Roberto, vivo e lavoro a Mantova e sono il fondatore di questo sito, nato da una passione che giorno per giorno mi restituisce soddisfazioni e gratificazione, la passione per la fotografia! Se vogliamo dirla tutta, la mia prima passione era ed è rimasto lo sport, quell’insieme di fatica, impegno, dedizione e aiuta a dare potenza ed energia a virtù personali quali equilibrio, coraggio e rispetto per gli altri. Perché non fondere insieme queste due grandi passioni? Così è nato Photosport capitanato da me e da fantastici collaboratori che ogni giorno alimentano questo progetto. Il mondo dello sport mi ha portato a conoscere la fotografia sportiva e tutta l’emozione di congelare un movimento durante la frenesia del gioco. Amo la mia reflex e amo fotografare, per questo ho iniziato a condividere la mia passione agli altri. Tutto questo è solo una mia grande passione che mi porta a seguire le partire di basket, volley, pallamano… in maniera ravvicinata. Spero che questo progetto sia sono fondamenta per quello che in futuro potrà essere un vero e proprio grattacielo.

Leave a Response