close

Le foto riportate nell’articolo sono di ©Filippo Rubin x LVF

Nativa della “città stellata” Palmanova, una nuova stella emergente del volley tricolore quest’anno ha provato anche l’emozione di partecipare al Lega Volley Summer Tour. Stiamo parlando di Sofia D’Odorico, ruolo schiacciatrice, che nonostante la giovane età, già possiede un prestigioso palmares, con anche il fascino di un argento ai campionati europei under 18 e successivamente una medaglia di bronzo sempre con la casacca azzurra della nazionale under 20. Nel campionato indoor Sofia dopo la fucina di talenti targata Volleyrò, ha vissuto esperienze prima a Novara, poi a Mondovì, quindi la gloriosa Teodora Ravenna per giungere nella stagione scorsa ad Orvieto e sfiorando la promozione sfuggita solo in gara 3 contro Caserta.

Come tante sue compagne e avversarie, anche Sofia non ha saputo resistere al fascino di partecipare al torneo estivo organizzato dalla Lega Volley Femminile. “Finora in periodo estivo – dichiara la giovane schiacciatrice friulana – mi sono dedicata al beach 2×2, partecipando alle diverse tappe del campionato italiano under 23 due stagioni fa. Quest’estate mi si è prospettata la possibilità di partecipare al Sand Volley, visto anche che la mia società di appartenenza, la Zambelli Orvieto, ha creato una partnership con la Millenium Brescia”.

Le differenze tra il beach e il sand Sofia le ha percepite principalmente nell’organizzazione e nella visibilità che il LVST offre: “Da subito mi sono accorta di partecipare ad un evento davvero ben organizzato, con un clima di festa che lo rende meno “serioso” rispetto al campionato indoor seppure l’impegno e la voglia di vincere che tutte le squadre partecipanti mettono in campo è sempre molto elevato”.

Proprio il clima di festa che si respira nell’evento rosa di sand volley allevia le energie che le atlete mettono in campo: “Mi sono molto divertita a partecipare al LVST seppure la mia partecipazione è stata limitata ad una sola tappa; inoltre ha una visibilità sicuramente maggiore rispetto al beach 2×2 dove c’è un maggiore dispendio di energie e la necessità di un sostegno economico da parte di sponsor che non sempre riescono a colmare i nostri spostamenti”.

Anche per Sofia alcuni ricordi di questo weekend trascorso a Riccione rimangono indelebili nel suo bagaglio di esperienze: “Un ricordo bello nasce dal bel rapporto che ho instaurato con le mie compagne di squadra e soprattutto con il mio allenatore Enrico Mazzola; a tal proposito, appena conosciuto (nella giornata di venerdì precedente la tappa) sono rimasta sorpresa da quanto mi ha detto, ossia che la sua prospettiva era quella di arrivare nella parte bassa della classifica. In effetti, il “Mazzo” voleva invogliarci a mettere il più possibile la nostra grinta in campo e di non farci facili illusioni: c’è riuscito visto che comunque abbia conquistato la medaglia di bronzo sul podio. Di contro, un ricordo sicuramente più amaro viene proprio dalla semifinale Brescia vs Monza, dove non siamo riuscite ad avere quel guizzo in più per far nostra la posta in palio (forse anche per qualche decisione arbitrale). Comunque va bene così… e spero di ripetere questa esperienza anche il prossimo anno”.

Tags : Agricola Zambelli Millenium BresciaBeach VolleyClub ItaliaEnrico MazzolaLega Volley FemminileLega Volley Summer TourSand Volley 4x4Sofia D'OdoricoSupercoppa Sand Volley 4x4Volleyrò Casal de Pazzi
Roberto Muliere

The author Roberto Muliere

Sono Roberto, vivo e lavoro a Mantova e sono il fondatore di questo sito, nato da una passione che giorno per giorno mi restituisce soddisfazioni e gratificazione, la passione per la fotografia! Se vogliamo dirla tutta, la mia prima passione era ed è rimasto lo sport, quell’insieme di fatica, impegno, dedizione e aiuta a dare potenza ed energia a virtù personali quali equilibrio, coraggio e rispetto per gli altri. Perché non fondere insieme queste due grandi passioni? Così è nato Photosport capitanato da me e da fantastici collaboratori che ogni giorno alimentano questo progetto. Il mondo dello sport mi ha portato a conoscere la fotografia sportiva e tutta l’emozione di congelare un movimento durante la frenesia del gioco. Amo la mia reflex e amo fotografare, per questo ho iniziato a condividere la mia passione agli altri. Tutto questo è solo una mia grande passione che mi porta a seguire le partire di basket, volley, pallamano… in maniera ravvicinata. Spero che questo progetto sia sono fondamenta per quello che in futuro potrà essere un vero e proprio grattacielo.

Leave a Response