close

Una fase di gioco del match Consultinvest Bologna vs Dinamica Generale Mantova (foto Martini)

Il campionato di A2 di basket è arrivato al giro di boa e ha dato il suo primo verdetto. C’era in palio la qualificazione alla Final Eight di Coppa Italia che si giocherà a Jesi a inizio marzo. Bellissima la lotta nel girone est dove tutto si è risolto all’ultima partita.

Solo Trieste era già certa del primo posto e in questo fine settimana ha superato Montegranaro per 81-73 escludendolo dalla Coppa Italia. Partita da dentro e fuori anche al PalaDozza di Bologna alla presenza di 5000 spettatori e sold out (250 ospiti) tra Fortitudo Bologna e Dinamica Mantova, quest’ultima reduce da sei vittorie di fila. In caso di successo i ragazzi di coach Lamma avrebbero, con qualsiasi combinazione possibile, conquistato la Final Eight. Lamma riceve l’ovazione della sua Bologna e dei suoi ex tifosi. Per tre quarti di gara avanti nel punteggio gli Stings si bloccano nella prima metà del quarto finale e la Fortitudo, con un break di 10 a 0, conquista il secondo posto in classifica grazie alla difesa. Mantova ha però la possibilità di vincere sulla sirena con capitan Moraschini autore di una grande partita. Ma il suo tiro si ferma sul ferro a differenza di quanto era successo con Orzinuovi e Bologna fa festa sul 63-62. Mantova passa da un possibile secondo posto al sesto con Verona ma ha tutte le carte in regola per puntare ai play off. Udine e Ravenna completano il quadro delle qualificate. I friulani perdono a Imola (76-73) ma conservano il terzo posto mentre Ravenna termina quarta grazie al successo con Jesi 85-75. Treviso, Verona e Piacenza vincono in trasferta ad Orzinuovi, Roseto e Ferrara. Forlì supera Bergamo in casa. Nel girone ovest si qualificano per la Final Eight di Coppa Italia Casale Monferrato, Biella, Trapani e Tortona. Nel prossimo week end inizia il girone di ritorno e parte la corsa per la conquista dei primi otto posti nei due gironi che valgono l’accesso ai play off.   

Tags : Basket A2 Maschile EstCoppa Italia 2018Final EightLega Nazionale PallacanestroOld Wild WestPallacanestro
Sergio Martini

The author Sergio Martini

La passione per lo sport mi accompagna da più di 50 anni, da quando da bambino andavo con mio padre a vedere la squadra di calcio della mia città. Collaboratore prima della Gazzetta e tuttora della Voce, i due quotidiani mantovani, mi occupo non solo di sport. Il volley, il mio grande amore, mi ha visto in Brasile nel 1990 quando la nazionale maschile ha vinto il suo primo mondiale e poi in Grecia nel 1994 quando ha vinto il secondo. Non ho perso una partita di Campionato e di Coppa Italia degli ultimi quattro anni della Pomì di cui sono stato per lo stesso periodo appassionato telecronista. Coordino il lavoro del giornalino e sono stato felice testimone delle vittorie rosa dello scudetto e della Champions.

Leave a Response